I affetti da asma. Si tratta di un vero

I numeri sono indicativi. Le allergienel mondo sono in aumento. Circa mezzo miliardo di persone soffre dirinite allergica e almeno trecento milioni sono affetti da asma.

Sitratta di un vero e proprio tsunami allergico, e in continuo aumentoci sono le allergie indoor.Coltermine indoor si indicano ambienti come uffici, scuole, abitazioni,negozi, locali pubblici e mezzi di trasporto.Sitratta di un aspettoimportante se pensiamo che ogni giorno ciascuno di noi inala circa 10- 20 mila litri d’aria. Il tempo che trascorriamo all’interno dellanostra abitazione, per esempio, costituisce la maggior parte dellagiornata. Unarecente pubblicazione del Ministero della Salute ha rilevato chel’inquinamento indoor, sia all’interno delle mura domestiche sianegli uffici, è la principale causa di malattie di tipo allergico,asma e disturbi della respirazione, specialmente nell’etàinfantile.

Best services for writing your paper according to Trustpilot

Premium Partner
From $18.00 per page
4,8 / 5
4,80
Writers Experience
4,80
Delivery
4,90
Support
4,70
Price
Recommended Service
From $13.90 per page
4,6 / 5
4,70
Writers Experience
4,70
Delivery
4,60
Support
4,60
Price
From $20.00 per page
4,5 / 5
4,80
Writers Experience
4,50
Delivery
4,40
Support
4,10
Price
* All Partners were chosen among 50+ writing services by our Customer Satisfaction Team

Trai fattori inquinanti indoor rientrano alcuni dei maggioriresponsabili di fenomeni di allergia respiratoria, tra questi ci sonogli acari della polvere, la forfora degli animali domestici e lemuffe. Sussistonostretti legami tra l’inquinamento dell’atmosfera e le allergie;questa relazione tuttavia non è scindibile da quanto accadenell’ambiente esterno. L’inquinamento, infatti, é la principalecausa dell’aumento delle allergie. Sintomi delle allergie indoorAvolte non è semplice riconoscere i sintomi dell’allergia perchésono abbastanza simili a quelli di un raffreddore. Tra i principalisi possono annoverare: – starnuti ripetuti soprattutto quando si è appena svegli; – tosse secca nel corso del riposo notturno; .- naso chiuso o rinorrea, ossia naso che cola; – difficoltà nella respirazione, senso di oppressione al torace e fenomeni asmatici; – emissione di un sibilo quando si respira;L’allergiada acari, nello specifico, si manifesta con i seguenti sintomi: – occhi gonfi e arrossati; – fotofobia; – stati di ansia; – tosse e apnea che impediscono il riposo notturno; – senso di spossatezza e affaticamento specialmente durante il giorno; – fenomeni di eczema atopico: si tratta di un arrossamento della cute, concentrato nella zona del viso e del cuoio capelluto;Gliacari sono difficili da eliminare in modo definitivo; causanoallergie agli occhi e cutanee, tra cui dermatiti. Questa tipologia diallergeni èresponsabile di irritazioni dell’apparato respiratorio; causanol’insorgere dell’asma bronchiale a seguito di una lunga esposizioneai loro attacchi.Dove si annidano gli allergeni Èin camera da letto che si annidano i maggiori pericoli perl’insorgere di fenomeni allergici; si tratta del luogo ideale perdare asilo ad acari e allergeni che contribuiscono a rendere il sonnodifficile, costringendo chi soffre di allergia a svegliarsi semprein preda alla spossatezza.

E si sa quanto sia duro affrontare unagiornata se non si è dormito bene.Gli acari sono artropodi appartenentialla classe degli aracnidi; è soprattutto in cuscini, materassi,trapunte e coperte che trovano un ambiente favorevole per riprodursi;si tratta di ambienti con la giusta umidità, riparati dalla luce,che mantengono temperature non superiori ai 30°. La lotta controgli acari è impari, tuttavia qualche rimedio per rendergli la vitadifficile esiste. si può cercare di arginarne la proliferazione mantenendo intorno al 50% il livello di umidità dell’ambiente in cui si dorme; adoperare coprimaterassi e copriguanciali; usare la scopa elettrica o l’aspirapolvere con filtro antiacari; almeno una volta a settimana sarà necessario lavare lenzuola e federe a una temperatura superiore ai 60°C. piumini e trapunte dovranno essere rimpiazzati dalle coperte di lana o di cotone;Enelle strutture turistiche?Seè possibile rendere la vita difficile agli acari nella nostra camerada letto, è quasi impossibile essere sicuri che la stanzadell’albergo, del b che scegliamo per la nostra vacanza siaperfetta dal punto di vista igienico. Quello che possiamo fare èprenotare la struttura solo dopo essere stati rassicurati circal’aderenza ai protocolli della profilassi ambientale che ha lafinalità di evitare casi allergie respiratorie negli ospiti dellastruttura. Attraversoquesto protocollo si sanificazione ambientale si è in grado dieliminare muffe, pollini e soprattutto acari.

Si tratta di allergeniche, come detto in precedenza, si annidano in materassi, guanciali,trapunte, tappeti, tendaggi pesanti e nella moquette.Ilprotocollo prevede coprimaterassi e copricuscini antiacaro, ossiarealizzati con materiali permeabili all’aria che tuttavia creano unasorta di barriera che gli acari non sono in grado di superare. Sonoefficaci anche contro le cimici, in aumento grazie al recenteincremento del fenomeno turistico.Unacomponente fondamentale del protocollo è la sanificazione degliambienti. In generale la tappezzeria,i soprammobili e le tende pesanti sono amici delle allergie. Esistonosistemi di pulizia professionale che utilizzano il vapore a 160°;oltre a uccidere gli acari aspirano i residui e abbattono lemicropolveri.

Sono efficaci anche in presenza di tendaggi pesanti,moquettes, e tappeti, anche perché non utilizzano detergenti chepossono causare allergie. Lamessa in sicurezza degli ambienti si completa con un’opera disanificazione biologica attraverso l’impiego dell’ossigenotrivalente; questo sistema ha la capacità di estinguere insetti,virus, batteri e muffe igienizzando e lasciando un piacevole profumodi pulito.Lamaggior parte delle strutture destinate al turismo dota le sue stanzedi sistemi di climatizzazione; i filtri sono l’elemento che necessitàdi maggior attenzione: andrebbero puliti o sostituiti. Il sistema disanificazione previsto dal protocollo igienizza i filtri deicondizionatori a split, rigenerandoli completamente; se invecel’impianto di climatizzazione è centralizzato, il protocollo prevedeun trattamento termico naturale che ha la capacità di eliminare gliallergeni degli acari e degli animali domestici, oltre che muffe,virus, batteri, ozono e pollini. Soloun albergo o qualunque struttura che aderisca a questo protocollodarà la certezza ai suoi ospitidi poter offrire un ambiente ottimaledove trascorrere notti serene e un periodo di vacanze davverorilassante.